Magazzino Portapallet

magazzini portapallet

 

Magazzino portapallet


Il magazzino portapallet è un asset logistico indispensabile per ogni azienda che opera con merci pallettizzate. Il suo tipo e la sua gestione possono influire significativamente sulla produttività complessiva.
Per tale motivo, è utile capire cosa sono, qual è la portata degli scaffali, come si caratterizzano le soluzioni automatiche e quali possono essere i costi.

 

Cosa sono i magazzini portapallet


Bisogna innanzitutto chiarire cosa sono i magazzini portapallet.

Come suggerito dallo stesso nome, si tratta di scaffalature metalliche adibite al deposito e stoccaggio di pallet, chiamati anche europallet o bancali.

Queste scaffalature industriali possono avere struttura:

  • Fissa.
    In tal caso è necessario un corridoio di passaggio tra i singoli scaffali.
  • Mobile o compattabile.
    Questa scorre invece su binari ed è funzionale in caso di spazio ancor più limitato o merci con basso indice di rotazione.

Altri tipi sono:

  • Drive-in.
    In questa struttura i pallet sono depositati direttamente su dei carrelli indipendenti: quindi nella fase di carico il pallet da stoccare spinge indietro quelli già esistenti; nella fase di scarico, prelevando un pallet, automaticamente i successivi scendono verso la zona di prelievo.
  • Drive-through.
    Questa tipologia è simile alla precedente, con la differenza che la merce può essere raggiunta non solo da un lato ma da entrambi, grazie al fatto che esiste un secondo canale di collegamento.
  • Push-back.
    Sono strutture che cercano di sfruttare la profondità del magazzino: esse, infatti, permettono di stoccare fino a 5 pallet impilati l’uno dietro l’altro.
    L’entrata e l’uscita dei pallet avviene dalla stessa direzione, mentre i bancali scorrono l’uno sull’altro attraverso dei telai.
  • Automatici.
    In tal caso la merce entra ed esce dalla struttura in maniera automatica, senza l’ausilio di un operatore.

In ogni caso i magazzini portapallet, come i soppalchi industriali, servono ad ottimizzare la logistica interna. Ciò in particolare quando i prodotti sono stoccati e disposti in pallet, con grande varietà di referenze.
Questo risultato si ottiene sfruttando al meglio lo spazio disponibile tramite un’organizzazione ordinata ed intuitiva.

Dato l’ampio e diffuso uso di bancali, molte aziende necessitano una tale soluzione, a prescindere dalla loro dimensione.

Infatti, queste scaffalature presentano spesso la caratteristica di modularità; ciò significa che è possibile modificare la configurazione base ed ampliare il magazzino portapallet a seconda delle necessità, anche successivamente all’installazione.

Inoltre, già a monte, trattandosi di carpenteria metallica di diverse dimensioni e tipologie, è possibile costruire la struttura portante secondo le proprie specifiche esigenze, quali possono essere ad esempio le dimensioni dei bancali o il tipo di merce da custodire.
Dunque si tratta di una soluzione ampliamente personalizzabile.

Vista la facile e rapida verticalizzazione delle merci, viene implementata la possibilità di velocizzare tutte le attività di stoccaggio e recupero della merce.
Infatti, l’apertura frontale e laterale di queste strutture permette una facile movimentazione dei pallet stessi.

Si tratta di un fattore rilevante in quanto capace di incidere sul complessivo processo produttivo e sulle sue performance.

 


<< A cosa servono i forni industriali ?>>


 

Portata scaffali industriali


Per quanto riguarda la portata degli scaffali industriali, essa è variabile e strettamente dipendente da alcuni fattori, tra cui:

  • Distanza tra i livelli superiori al primo
  • Rapporto altezza/profondità
  • Sismicità della zona
  • Fattori ambientali particolari quali vibrazioni, eventuale esposizione ad agenti atmosferici ecc.

Da tenere in considerazione è anche la distribuzione del carico sui vari ripiani della scaffalatura industriale portapallet: quando il peso è concentrato su un unico punto, il valore della portata massima decresce.

Inoltre, più i piani sono distanti tra loro (distanza verticale) e più diminuisce la portata della spalla.

Una soluzione frequentemente adottata è quella di disporre i carichi più pesanti sul ripiano inferiore della scaffalatura o a terra: in tal modo, il peso di quel piano non sarà da includere nel conteggio della portata.

In ogni caso, la portata massima delle scaffalature industriali è indicata dall’azienda produttrice, che la include tra le informazioni contenute nella documentazione fornita.

Inoltre, bisogna sempre far affidamento ai cartelli di portata presenti sulle scaffalature: essi indicano la portata della campata.
Il totale va suddiviso per il numero delle pedane presenti, così da poter conoscere il valore esatto per ciascuna.


Dunque, s’intende come tale valore di portata sia molto relativo.
Tuttavia, in media, esso corrisponde a 1.000kg per ciascun bancale.

 

Magazzini automatici portapallet


I magazzini automatici portapallet, come suggerito dallo stesso nome, si basano sull’automazione.

Ciò vuol dire che i pallet vengono depositati e prelevati senza l’ausilio di un operatore ma tramite mezzi di sollevamento automatici, come ad esempio il trasloelevatore.

Questo può sollevare merce fino a 45 metri di altezza in corridoi larghi solo 1,5 metri.
Ne deriva che lo spazio disponibile viene ottimizzato e reso adatto a stoccare una quantità maggiore di pallet, come avviene con il magazzino automatico verticale (che sfrutta appunto la verticalità guadagnando superficie).

Oltre a ciò, incrementa anche la velocità dei cicli operativi.
L’apertura frontale e laterale delle scaffalature consente una facile movimentazione, resa più rapida dai mezzi di sollevamento automatici che realizzano entrate ed uscite di pallet col minor numero di movimenti possibili.
Dunque la produttività aumenta.

magazzini portapallet automatici

Magazzino automatico portapallet

Inoltre, vengono ad essere ridotti gli errori derivanti da una gestione manuale, in quanto l’automazione garantisce la movimentazione dei pallet in modo molto più preciso.

Per di più, viene implementata la possibilità di controllare in tempo reale i pallet stoccati nei magazzini automatici: ciò avviene tramite un software di gestione della produzione, che effettua controlli di tracciabilità di ogni bancale.

Le scaffalature dei magazzini automatici portapallet possono essere:

  • A singola profondità.
    Queste offrono un accesso diretto e totale ai bancali, velocizzando così lo stoccaggio e la preparazione degli ordini. In tal caso vengono spesso impiegati i trasloelevatori.
  • A doppia profondità.
    Si caratterizzano una seconda linea della scaffalatura, per capacità superiore e per l’ottimizzazione dello spazio. Proprio in quanto a doppia profondità, sono in tal caso necessarie le forche telescopiche.
  • A gravità.
    Queste scaffalature sono formate da una serie di canali leggermente inclinati; lo spostamento dei pallet è agevolato dalla forza di gravità.

 


<< Quanto costa il cemento per pavimentazioni industriali >>


 

Magazzini portapallet industriali prezzi


Per quanto riguarda i prezzi dei magazzini portapallet industriali, essi sono variabili e dipendenti da diversi fattori.

Tra questi rientrano:

  • Il materiale impiegato nella realizzazione delle scaffalature 
  • La tipologia di ripiano
  • La portata più o meno elevata 
  • Le dimensioni (altezza, larghezza e profondità) 
  • Il livello di automazione

S’intende dunque come sia difficile fornire una stima esatta.

Tuttavia, a scopo indicativo, è possibile considerare una media.
Una scaffalatura industriale portapallet ha un costo generalmente non inferiore a 55 euro al metro.

Dunque, a seconda delle specifiche necessità, è possibile acquistarne a qualche centinaio come anche a diverse migliaia di euro.

Potrebbero interessarti anche...

WordPress Cookie Notice by Real Cookie Banner